Ma davvero Hillary Clinton e Donald Trump sono il meglio possibile?

Lo sapete, gli americani sono convinti che alla fine alla Casa Bianca arrivi sempre e necessariamente ‘the best man’, l’uomo migliore.

Ora, nella situazione data, visti all’opera i candidati – d’altra parte, ben noti a tutti – dei due partiti che si giocano la presidenza, sul serio possiamo pensare che accada anche questa volta?

V’e’ da dubitarne e c’e’ da chiedersi dove stia il difetto.

Deve esserci infatti un difetto, e grave, nel meccanismo di selezione se alla fine della lunga contesa i prescelti sono Hillary Clinton e Donald Trump.

Due risaputi – per differenti motivi – e vecchi personaggi non per niente invisi alla maggior parte degli stessi loro concittadini.

Ma davvero in tutto il Paese non c’e’ un uomo, non v’e’ una donna migliore?

E dove sono i giovani?

E dove sono i riformatori?

(Quelli veri, non quelli alla Sanders che si tirano indietro tradendo i loro stessi sostenitori).

E dove sono gli uomini che hanno una visione, che sanno affascinare e convincere?

E’ forse l’ora che cresca e prenda forze un altro partito.

Del resto, i democratici hanno quasi centonovant’anni e i relubblicani centosessantadue.

Troppi!

Mauro della Porta Raffo